L’Anara Pitanara è la popolare mascotte della Sagra Paesana di Tarmassia.

È un’Anara simpatica, vanitosa, chiacchierona, pettegola e dalle forme piuttosto arrotondate, tanto da essere chiamata “Anara Pitanara”.

“Pitanara” era un appellativo usato in passato dalle giovani donne per beffeggiarsi a vicenda.

L’Anara Pitanara è diventata simbolo di gioia, abbondanza e ricchezza, in quanto l’Anara in passato veniva servita nei giorni di festa e nelle occasioni “di grassa”.

“Niente di meglio per Lei se non sguazzare tra le tavole imbandite e allegre compagnie riunite. Quando vi sedete guardatevi le spalle potreste trovarla ad origliare per poi modernamente messaggiare”.


Di seguito alcune filastrocche di cui la nostra simpaticissima mascotte è protagonista!
Par colpa de ‘na strega
e de la so malvagità
in Anara Pitanara
te si stà trasformà.
Ma i to oci i à parlà
al to amor che el tà acarezà.
Le so lagreme le tà bagnà
e na bela butela
te si ritornà.

Agnese Saccomani

Anara scapà
do mane t’à ciapà,
col beco verso el sòl
i t’à tirà el col…


Na tòla un po’ imbandia
sul tavolo i t’à servia;
butèi e gente onesta
t’à dedicà ‘na festa.


Che fine che te fè
par panze sodisfè;
ci sa che boni piati
degustarem da mati.


Concludo che…la piazza
la te vol bona e grassa
e l’organizzazion
vorà sodisfazion!

Susanna D’Annunzio Pascoli Tavella

Anara Pitanara
ci è sta a cagar in camara
l’è stà l’uselin
che l’ha cagà nel scarselin!